Alcune considerazioni, in ordine sparso. Non necessariamente correlate e non necessariamente disgiunte. In più non necessariamente autobiografiche né mirate. Considerazioni. Punto.

1 ) Troppo spesso si “ama” Dio per fottere il prossimo e lo si prega solo per mero tornaconto personale, senza minimamente pensare a quel Bene comune che invece la preghiera (e prima ancora la morale e l’etica) esige.

2 ) Troppo spesso si pensa di essere indispensabili mentre, a stento, si è forse “utili”.

3 ) Troppo spesso si pretende di essere tollerati ma non si tollera nulla che riguardi gli altri. Che siano vicini, lontani, parenti, amici, profughi o ricchi industriali (ah no, per quest’ultima fascia spesso si è pronti a stringere i denti e fare un’eccezione, meglio se trattasi di ricchi para-mafiosi).

4 ) Si dice che bisogna sempre “splendere” ma di cosa? Di luce artificiale? Si splende quando ci si può ammantare di Verità e sincerità. Il resto sono luci teatrali.

5 ) “IO” sono. Tu sei i fatti che realizzi, mai le parole che dici, come diceva il Beato Livatino “Dio non ci chiederà se siamo stati credenti ma se siamo stati credibili”.

6 ) Di falsi profeti è pieno il mondo e li riconosci perché sono quelli acclamati, i veri profeti agiscono in silenzio perché non hanno bisogno plauso d’alcuno.

7 ) Le mezze verità non hanno nulla da invidiare alle plateali bugie.

8 ) Chi nasce con mille certezze muore generalmente carico di dubbi, chi nasce e vive fra i dubbi e si pone domande muore con almeno una certezza.

Elenco considerazioni in aggiornamento…

[Dal profilo Facebook]

Informazioni sull'autore

Mi piace ascoltare, non semplicemente sentire. Il dialogo non è "parlare" ma consentire alle anime di incontrarsi

Ti potrebbe piacere:

Se vuoi commentare sono qui, bastano rispetto ed educazione. Grazie... :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: