di Luigi Asero

 

AGGIORNAMENTO h 15.40

Si aggrava il bilancio dei terribili roghi in Grecia. Feriti e persone intossicate che hanno dovuto far ricorso alle cure mediche sono oltre 550. Tragico il bilancio delle vittime: 60 le vittime accertate, ma parecchi posti non sono ancora raggiungibili se non si riesce a spegnere i roghi e si teme che le vittime possano essere un centinaio.
Il villaggio di Mati è stato totalmente divorato dalle fiamme ed è qui che si è registrata la maggior parte delle vittime finora rinvenute.


Bruciano le pinete intorno alla capitale greca: Atene brucia e porta con sé un bollettino atroce. Fino al momento in cui scriviamo 54 morti e oltre 150 persone che hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari.

Intorno Atene un paesaggio spettrale: carcasse di auto bruciate, rimaste intrappolate fra le fiamme e il denso fumo e cadaveri. Intossicati, bruciati, abbracciati come una mamma col suo bambino, come a Mati (circa 40 Km da Atene) dove i cadaveri carbonizzati sarebbero 26. Scappavano verso il vicino mare per mettersi in salvo, la densa coltre di fumo li ha sopraffatti prima.

Di bilancio definitivo non si può ancora parlare: diverse persone si sarebbero lanciate in acqua ma potrebbero esser annegate, altri potrebbero esser rimasti nella cenere dei boschi che attraversavano per raggiungere il mare o per trovare refrigerio all’ombra degli alberi.

Già ieri il governo aveva fatto appello all’Unione europea per aver aiuto. Inviati pompieri e due Canadair. Tardi forse. Il sospetto è che buona parte degli incendi siano di natura dolosa. La certezza che tutti gli eventi mettono ulteriormente in ginocchio la Grecia.

 

Informazioni sull'autore

Mi piace ascoltare, non semplicemente sentire. Il dialogo non è "parlare" ma consentire alle anime di incontrarsi

Ti potrebbe piacere:

Se vuoi commentare sono qui, bastano rispetto ed educazione. Grazie... :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: