• (+39) 380-1929568
  • luigiasero@aruba.it

Archivio dei tag Andrea Scanzi

M5S: i cani da guardia hanno iniziato il loro ululato

Con lucidità Alessandro Di Battista in diretta Facebook afferma, senza dubbi: “Io credo che sia stata la più grande sconfitta della storia del Movimento 5 Stelle” spiegando che “Abbiamo perso ovunque, sia che andassimo da soli o in coalizione” aggiungendo “Se c’è una cosa sgradevole del giorno dopo le elezioni è che sembra sempre abbiano vinto tutti. Così non è, occorre affrontare la realtà con onestà intellettuale e lucidità“.

Una reazione composta e lucida che richiama i pentastellati alle origini del Movimento. Ma ormai il M5S si circonda di personaggi più telegenici che politici, in fondo il Movimento dalla realpolitik è sempre fuggito. Peccato che questi personaggi siano sempre più dei cani da guardia, addestrati ad abbaiare, e mordere se necessario, contro chi si pone di traverso, anche se a fin di bene. Era il Movimento di Grillo e Casaleggio, ma Casaleggio (Gianroberto) è purtroppo deceduto mentre Grillo è sempre più vicino alla demenza senile, il che può dispiacere ma seppur precoce a 72 anni può anche starci. Così a sostituire due personalità importanti del M5S si sono man mano sostituiti Marco Travaglio e il suo fido sottoposto Andrea Scanzi. Che infatti già questa sera, ospite a Otto e Mezzo, ha iniziato i suoi ululati accusando chi? Quelli che definisce “talebani” (cioè terroristi?). Di Battista, Lezzi e via di seguito.

Andiamo a vedere cosa ha affermato Scanzi? Iniziamo con un sobrio: “Hanno perso i talebani Cinquestelle, come Lezzi, Laricchia e Di Battista. Il problema è l’identità del Movimento, ma anche l’identità di Di Battista“.

Così, parlando delle presunte crisi di identità di Alessandro Di Battista, dimentica la sua personale crisi di identità (demenza senile precoce?), quando lui con il suo padroncino, anzi no, scusate “direttore” Marco Travaglio dedicavano ogni pagina di quel giornalino (“giornalino” perché di piccolo formato, sia chiaro) ad attaccare su tutto il Partito Democratico. Peccato che poi proprio con quel partito hanno deciso di accordarsi pur di mantenere le poltrone e garantire quelle promesse (forse tacite) fatte agli amici del regime cinese. E allora per Scanzi stasera gli elettori 5 stelle con il voto hanno voluto mandare un segnale univoco: “Molti elettori stanno dicendo a Pd e Cinquestelle ‘provateci’. L’unica strada per me è creare un ‘campo progressista’, è ovvio che non tutti ci staranno. Se mi chiedete un pronostico, qualcuno nel Pd non ci starà, magari qualche ex renziano“.

Insomma del Movimento 5 Stelle non rimane più nulla. Non per quel che dice Scanzi ma perché il messaggio degli elettori è sì univoco ma non come pensa il fido Andrea, bensì, semplicemente, gli elettori hanno rigirato il mitico “Vaffa” che per anni è stata la loro bandiera. Scanzi… il messaggio è solo e semplicemente un sonoro vaffa. E l’osso l’avete perso. Provate a pensare con il taglio quanti potranno essere rieletti.

Intanto Scanzi si occupa già del prossimo partito, il PTI (Partito dei Talebani Italiani) che a suo dire potrebbe essere la svolta di Alessandro Di Battista. Cosa farà Di Battista non lo sappiamo, dubitiamo però che Scanzi avrà voce per abbaiare ancora per molto tempo. Il PD rinato non lo salverà di certo. E con lui l’altro fido Travaglio, idolo delle Procure. Per adesso. Poi?

FONTE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: